mercoledì 26 giugno 2019

THE PRICE in tour in Europa con i SOEN



THE PRICE IN TOUR IN EUROPA CON I SOEN

A pochi mesi di distanza dalla pubblicazione dell'album di esordio “A Second Chance to Rise” (BRX, SELF distribuzione 2019), i THE PRICE sono pronti a varcare i confini italiani alla volta dell'Europa. La band milanese capitanata da Marco Barusso sarà infatti opening act dei SOEN per il tour di LOTUS, ultimo lavoro in studio del gruppo progressive metal svedese.

A partire dal 27 agosto e fino al 20 settembre i THE PRICE, insieme ai finlandesi WHEEL, accompagneranno i SOEN in 18 date live nelle maggiori città del Vecchio Continente, dalla Finlandia alla Turchia.

Il calendario dei concerti prevede anche la partecipazione della band italiana al POSADA ROCK FESTIVAL (RO) il 30 agosto, nonché una tappa milanese il 9 settembre al LEGEND CLUB, dove lo scorso inverno i THE PRICE hanno presentato in anteprima al pubblico il nuovo album “A Second Chance to Rise”.

Dichiara Marco Barusso: «Siamo davvero contenti di essere stati scelti tra le varie band che si sono proposte per questo tour. Poter condividere il palco con un gruppo come i SOEN è una grande soddisfazione e non vediamo l'ora di portare la nostra musica fuori dall'Italia».



THE PRICE - European Tour with Soen:

27.08.2019 PPC – Graz, AT
28.08.2019 A38 Hajo – Budapest, HU
30.08.2019 Posada Rock Festival – Campulung, RO
31.08.2019 Mixtape 5 – Sofia, BG
3.09.2019 Volkswagen Arena – Istanbul, TR
4.09.2019 Principal Club Theater – Thessaloniki, GR
5.09.2019 Gagarin 205 – Athens, GR
7.09.2019 Trainstation SubArt – Kranj, SI
8.09.2019 Arena Wien – Vienna, AT
9.09.2019 Legend Club – Milan, IT
11.09.2019 Klub Kwadrat – Krakow, PL
12.09.2019 Progresja – Warsaw, PL
13.09.2019 Scheune – Dresden, DE
14.09.2019 Rider’s Café – Lübeck, DE
15.09.2019 Pustervik – Gothenburg, SE
17.09.2019 Olympia Korttelli – Tampere, FI
18.09.2019 The Circus – Helsinki, FI
20.09.2019 Fryshuset Klubben – Stockholm, SE

Biglietti e info: soenmusic.com/tourdates



Contatti e social

facebook.com/thepriceofficial
instagram.com/thepriceofficial
youtube.com/c/ThePriceChannel


Susanna Giusto
Music Press & Promotion

"PROG & Dintorni" del 28 giugno

 

Venerdì 28 giugno puntata di "PROG & Dintorni", in onda come sempre su  www.radiovertigo1.com dalle 21 alle 23.

I riflettori saranno puntati sui migliori BASSISTI di ieri e di oggi...

Per essere costantemente aggiornati in tempo reale, seguire la pagina fb "PROG 2.0"


 Per ascoltare il PODCAST dell'ultima puntata di "PROG & Dintorni", cliccare il consueto
link:


martedì 25 giugno 2019

SONIKA POIETIKA: dal 27 luglio in Molise!


Giardini Di Mirò, Paolo Benvegnù e Nicholas Ciuferri, gaLoni, Iacampo, Poeti Rock con Andrea Mirò, Scapestro e Matteo Passante, due speciali su Woodstock e Lucio Battisti: nei borghi molisani la sessione estiva di Poietika dedicata alla grande musica
Dal 27 luglio in Molise: Sonika Poietika!

REGIONE MOLISE
e
FONDAZIONE MOLISE CULTURA
Ideazione Tèkne

sono lieti di presentare:

SONIKA POIETIKA

Dal 27 luglio al 12 agosto 2019

Direzione artistica: 
Valentino Campo

Dalla parola che arde al suono che infiamma. Dal 27 luglio 2019 parte  Sonika Poietika, la sessione estiva di  Poietika, la rassegna conclusa a Campobasso lo scorso 16 aprile con il trionfo di  Raul Zurita al Teatro Savoia. La  V Edizione di Poietika, che ha riscosso grande soddisfazione per l'affluenza e la curiosità della stampa nazionale, prosegue con la sua parte estiva, come l'anno scorso caratterizzata da appuntamenti musicali nei più suggestivi  borghi molisani. La  direzione artistica di Valentino Campo mette a segno un altro colpo, con un  cartellone di respiro nazionale incentrato sui rapporti tra parola e musica, con un occhio di riguardo alla  canzone d'autore, ai legami tra  rock e poesia, a  figure ed eventi storici per la musica italiana e internazionale. 

Se Poietika ha avuto una connotazione più cittadina, in luoghi prestigiosi come il Teatro Savoia e l'Auditorium GIL,  Sonika Poietika si estende sul  territorio molisano, tra  siti storici, località antiche e magiche, piazzette o paesi più defilati. Il caso più emblematico è quello  dell'Area Archeologica di Altilia, nel comune di  Sepino (CB), che ospiterà la data zero, attesissima dopo la magia dello scorso anno con Cristiano Godano e Emidio Clementi:  sabato 27 luglio aprono Sonika Poietika i Giardini Di Mirò e Paolo Benvegnù e Nicholas Ciuferri con  I Racconti delle Nebbie. Una combinazione straordinaria, con una delle formazioni più amate e apprezzate del nuovo rock italiano e uno dei cantautori di punta degli ultimi vent'anni, entrambi protagonisti nello sviluppo del panorama indie-rock nazionale: rock d'arte visionario e cinematico da una parte, dall'altra uno degli autori più raffinati e profondi della musica nostrana coinvolto in un progetto di musica e narrazione con  Nicholas Ciuferri.

Di origine molisana, benchè nato e cresciuto a Mestre,  Marco Iacampo è tra i nomi più in vista della nuova canzone d'autore, tra sapori esotici, intimismo e ricerca: sarà in concerto mercoledì 31 luglio a  Roccavivara (CB), in un luogo mistico come il Santuario di Santa Maria di Canneto. 

Giovedì 1 agosto al Palazzo San Francesco di  Agnone (IS) un progetto speciale che unisce la devozione alla poesia di Poietika e l'esplosione di suoni di Sonika Poietika:  Poeti Rock, il recital di Ezio Guaitamacchi con Cinaski, Brunella Boschetti Venturi e la partecipazione straordinaria di Andrea Mirò
Rock e poesia si incontrano, classici di Bob Dylan, Lou Reed, Leonard Cohen e Patti Smith rivisitati e narrati da uno splendido quartetto. Domenica 4 agosto in Piazza Castello a  Venafro (IS) una straordinaria dedica a Lucio Battisti: se ne occupano  Donato Zoppo e gli Uomini Celesti.  Il nostro caro Lucio è lo storytelling-concert - tratto dall'omonimo libro (Hoepli) - in cui lo scrittore e la rock band narrano gli anni '70 del celebre musicista tra grandi classici e aneddoti su musica, politica, società e arte. 

Ancora canzone italiana, nuova, indipendente e impegnata, con  Scapestro e Matteo Passante: i due cantautori - partenopeo il primo, pugliese il secondo, entrambi apprezzati dalla critica e artefici di un rinnovamento del songwriting nostrano - suoneranno a  Frosolone (IS) in Largo Vittoria martedì 6 agosto. L'ultimo nome in cartellone per la canzone d'autore, una delle sue voci più autorevoli e amate dalle ultime generazioni, si presenterà sabato 10 agosto in Piazza Duomo a Termoli (CB): parliamo di  gaLoni, il cantautore laziale che viaggia tra storie quotidiane intrise di realismo e slanci poetici. Gran finale con un anniversario importante, quello del festival di  Woodstock: a cinquant'anni dalla metà di agosto del 1969 in cui mezzo milione di ragazzi celebrarono con "peace, love and music" l'essenza di una generazione, al Giardino della Flora Appenninica di  Capracotta (IS) la scrittrice e musicista  Paola Siragna presenta in anteprima nazionale il suo nuovo libro  Woodstock e poi... (Mimesis), con la proiezione di video e l'esposizione di vinili d'epoca.  

Ingresso libero per ogni incontro, fatta eccezione per il concerto di Giardini di Mirò e Racconti delle Nebbie (euro 10.00).

SONIKA POIETIKA 
Il programma: 

Sabato 27 luglio 2019 
Ore 21.00
Teatro romano di Saepinum - Altilia 
Sepino (CB) 
Giardini di Mirò 
Paolo Benvegnù e Nicholas Ciuferri: I Racconti delle Nebbie

Mercoledì 31 luglio 2019 
Ore 21.00
Santuario di Santa Maria di Canneto  
Roccavivara (CB)
Iacampo

Giovedì 1 agosto 2019 
Ore 21.00
Palazzo S. Francesco 
Agnone (IS)
Poeti Rock feat. Andrea Mirò

Domenica 4 agosto 2019 
Ore 21.00
Piazza Castello 
Venafro (IS) 
Il nostro caro Lucio: Omaggio a Lucio Battisti
Donato Zoppo e Gli Uomini Celesti

Martedì 6 agosto 2019 
Ore 21.00
Largo Vittoria 
Frosolone (IS) 
Scapestro - Matteo Passante

Sabato 10 agosto 2019 
Ore 21.00
Piazza Duomo 
Tremoli (CB)
gaLoni

Martedì 12 agosto 2019 
Ore 18.30
 Giardino della Flora Appenninica 
Capracotta (IS) 
1969-2019: Paola Siragna racconta Woodstock

Info:


Donato Zoppo
Synpress44 Ufficio stampa:www.synpress44.com
Donato Zoppo :   www.donatozoppo.it


lunedì 24 giugno 2019

“LA SINDROME DI STOCCOLMA” - ALBUM D’ESORDIO PER I MESSER DAVIL



“LA SINDROME DI STOCCOLMA” - ALBUM D’ESORDIO PER I MESSER DAVIL. A TRAINARE IL CONCEPT ALBUM IL VIDEO “L’IDIOTA DIGITALE” CHE RACCONTA IL MALCOSTUME DILAGANTE SUI SOCIAL NETWORK.

L’album

LA SINDROME DI STOCCOLMA è l’album d’esordio della formazione ligure dei Messer Davil.
Uscito il 14 giugno 2019, è un concept album di genere indie-pop-rock elettronico, che affronta il tema della prigionia volontaria e della dipendenza, proprio come nel famigerato caso della sindrome che dà il titolo all’opera.
Tecnologia, autocontrollo, ideologie, lavoro, menzogne, sensi di colpa, culto della personalità, paure, fobie, convinzioni, ego, religione, affetti, amore… influenzate da atmosfere cantautoriali, dance, dub, rap e reggae, ognuna delle 18 tracce che compongono l’album, analizza un aspetto che imprigiona e sottomette l’essere umano e dal quale, suo malgrado, non riesce o non vuole, liberarsi.
La lavorazione dell’album ha tenuto impegnati i componenti dei Messer DaVil per oltre tre anni.


LA SINDROME DI STOCCOLMA, che la band auto-definisce un album di crossover orizzontale indipendente, per evidenziare che la sua genesi è stata influenzata da molti generi differenti, è stato scritto da Davide Aicardi, arrangiato da Mauro Max Maloberti e prodotto da Alessandro Mazzitelli, insieme a Davide e Mauro, presso gli studi della Mazzi Factory.
Oltre ai Messer DaVil, nell’album, hanno suonato Emanuele Gianeri (basso) e Alessandro Mazzitelli (synth analogici).

                                                                        Tracklist:

01) Indie (intro)
02) Indipendente da chi…?!
03) Il garage ermetico
04) Avanzi
05) L’idiota digitale
06) Quello che proteggiamo
07) Millenium bug
08) Negli occhi di chi guarda
09) Amico cosmico
10) Il self control
11) Quello che avviene ogni giorno
12) Digli che è vero
13) Volare via
14) Ventisett’anni
15) Complice
16) Vox populi
17) Non tornerai mai più
18) Cuore di carciofo.


Con i suoi testi elaborati, le citazioni e i molti riferimenti alla cultura musicale e pop degli anni ’80 e ’90, LA SINDROME DI STOCCOLMA è consigliato a chi ama: Subsonica, Timoria, Decibel, Bluvertigo, Zen Circus, Africa Unite, Franco Battiato, Litfiba, Caparezza, Après La Classe, Calcutta, Le Luci Della Centrale Elettrica, Offlaga Disco Pax, Lo Stato Sociale, Colapesce, Willie Pejote, Baustelle, Max Gazzè e Daniele Silvestri.
L’album può essere reperito in streaming sulle principali piattaforme digitali (Spotify, YouTube, Apple Music, Amazon, iTunes Store, Google Play Music).
I testi e una preview dell’intero album sono disponibili sul sito: www.messerdavil.com

Il videoclip


Troll, haters, attacchi gratuiti, menzogne volontarie, diffamazioni, volgarità, bufale, maldicenze, ma anche punti di vista partigiani e soggettivi, espressi con eccessiva aggressività, da tifo da stadio. O le sentenze di chi non è conscio di non sapere e ci tiene a condividere ugualmente la propria incompetenza, credendola veritiera. 
Di tutto questo parla il videoclip L’IDIOTA DIGITALE, primo singolo tratto da LA SINDROME DI STOCCOLMA, il nuovo disco del gruppo ligure dei Messer DaVil uscito il 14 giugno 2019 su tutte le piattaforme di vendita e streaming online.
Montato interamente con la tecnica del jumpcut, e girato in un’unica location, per raccontare e mettere in evidenza che il protagonista ha una vita solo davanti al monitor di un computer, il video è diretto dal songwriter e chitarrista della band, lo sceneggiatore Davide Aicardi (già tra gli autori di prodotti televisivi di grande successo come la sit-com Camera Cafè, il cartone animato Winx Club e del nuovo fumetto della Sergio Bonelli Editore, in edicola proprio in questi giorni, Odessa), e racconta la giornata tipo di uno di questi fanatici della tastiera che, fin dalle prime ore del mattino, nemmeno finita la colazione e il rituale delle abluzioni, inizia inesorabile la sua spietata attività di commentatore compulsivo per divulgare le convinzioni della sua “preposcienza” (scienza prepotente).
Sorretto da un portamento reggae e dub, il brano sfocia in un più violento e lanciato mood rock nel ritornello, durante il quale vengono elencati i dieci punti da seguire per diventare un perfetto idiota digitale!
Ed è proprio durante l’ultimo refrain che il malcapitato scostumato telematico viene punito dall’iconica impersonificazione del gruppo stesso: Messer DaVil, infatti, prende vita, vestito con i panni di un post-moderno personaggio steampunk, metà mago e metà supereroe che, con il suo bastone mistico, aggredisce e allontana l’idiota dai tasti del computer, invitandolo forzatamente a riprendere il contatto con la realtà mentre la canzone recita la perentoria frase: “hai rotto il c%##§ adesso esci!”.
Il video clip de L’IDIOTA DIGITALE può essere visto sul canale Youtube dei Messer DaVil (https://www.youtube.com/channel/UCLTpmUoW1wrol-HSRiZz17g?view_as=subscriber ) o sulla pagina Facebook della band ( https://www.facebook.com/MesserDaVil/?ref=bookmarks ).


La band

I Messer Davil nascono dalle ceneri dei Soja Dream FM, cover band dall’attitudine decisamente rock, molto attiva in Liguria e nel Basso Piemonte nel decennio compreso fra i primi anni 2000 e il 2010.
L’unico elemento della formazione originaria a non comparire nella nuova line-up, a causa degli impegni come fonico residente presso il teatro comunale di Bologna, è il bassista Emiliano Goso.
Alle 4 corde (che spesso divengono 5) è subentrato quindi, il raffinato bassista e contrabbassista Federico Fughiz Fugassa (Ni.Co, Uribà, Abrigà, Max Campioni, Beppe Trabona, Sergio Pennavaria, Mauro Pinzone, Wholebrain, Lorenzo Picone).
A completare la sezione ritmica, dietro alle pelli delle batterie, l’energico Maurizio DePalo (La Combricola del Blasco, Cosmocode, Geminy, AlterNando, Pensieri Compressi, Massimo Schiavon, Davide Geddo, Beppe Trabona, The Price, Flower Flesh, Wounded Knee).
Tastiere e synth sono suonati dal rifinitore e arrangiatore Mauro Max Maloberti (Stavolta mia moglie mi manda a Funk, Subbuglio).
Le chitarre sono imbracciate da Davide Aicardi, deus ex machina del progetto e autore di musica e testi.
Infine, a dare voce alle molteplici sfumature di genere e atmosfera proposte dai Messer DaVil è il carismatico e versatile Alessandro Lamberti.
LA SINDROME DI STOCCOLMA è il loro album di esordio.

Per informazioni e aggiornamenti sull’attività del gruppo potete seguire la pagina FaceBook dei Messer DaVil ( https://www.facebook.com/MesserDaVil/?ref=bookmarks ), il sito internet ( www.messerdavil.com ) o la pagina Instagram della band ( https://www.instagram.com/messerdavilband/ ).

LINK UTILI





domenica 23 giugno 2019

JONI MITCHELL - IL TRIBUTO ALLA PIÙ GRANDE CANTAUTRICE DELLA STORIA ORA IN DVD



JONI MITCHELL - IL TRIBUTO ALLA PIÙ GRANDE CANTAUTRICE DELLA STORIA

Il 6 e 7 novembre 2018 al Dorothy Chandler Pavillion di Los Angeles tanti amici musicisti hanno omaggiato Joni Mitchell per i suoi 75 anni.

 I due concerti tributo, ripresi dalle telecamere di Netflix, saranno disponibili anche in DVD.




Until Now: tra jazz, Daft Punk e Neil Young il debutto di CHIARA VIOLA!


Debutta con Filibusta Records la cantante romana: otto brani tra jazz e melodia, ricerca e appunti di viaggi ed esperienze, con 'Harvest Moon' di Neil Young, 'Within' dei Daft Punk e la presentazione di Danilo Rea

Until Now: il disco d'esordio di Chiara Viola! 

CHIARA VIOLA
UNTIL NOW
(Filibusta Records | Believe Distribution Services / Goodfellas  )
8 tracce - 38.50 minuti

"Spesso accade che un musicista, dopo anni di preparazione, non trovi una dimensione propria e si limiti a rifarsi a ciò che più lo ha colpito, senza rischiare, senza osare.  Chiara ha il coraggio della sua passione, si mette in gioco: ha creatività e una  voce calda e tagliente, ma con dentro il ricordo di una sonorità quasi infantile. Il suo disco è un bell'esempio di come i  giovani jazzisti italiani abbiano molte cose da dire". Una presentazione importante, quella che  Danilo Rea ha scritto per  Until Now, il disco d'esordio di  Chiara Viola: il suo docente al Conservatorio Santa Cecilia ha sottolineato la centralità della passione, del voler osare, del mettersi in gioco. Caratteristiche che emergono da  Until Now, pubblicato da Filibusta Records dopo l'uscita del singolo  Didsbury.

Until Now è un debutto solo discograficamente parlando, visto che la cantante romana è attiva da anni e in varie esperienze musicali; questo lavoro per  Filibusta rappresenta un punto di partenza ma è anche la sintesi di un lungo percorso nel quale  gospel, jazz, didattica per bambini e altre esperienze hanno costituito per Chiara una grande palestra: "Il  gospel è sempre stato un sogno mai realizzato: avrei voluto nascere tipo Whoopi Goldberg in  Sister Act. Il  jazz, invece, l'ho scoperto per caso a 20 anni e non ho più potuto farne a meno. Oggi oltre a cantare  insegno anche musica ai bambini perché spero di contribuire alla creazione di buoni ascoltatori e, soprattutto, di dare loro uno strumento in più per rendere bella la vita. Ogni cosa che ho fatto nella mia vita è entrata a far parte di questa musica".


Nata a Roma nel 1986,  Chiara Viola ha praticato musica sin da giovanissima, cantando in cori scolastici e chiese, ha studiato chitarra classica prima e canto moderno dopo, infine canto jazz. Allieva di nomi come  Cinzia Spata, Maria Pia De Vito e Danilo Rea, ha condiviso studi e palchi con Antonella Ruggiero, Claudio Rocchi, Max Gazzè, Riccardo Biseo, La Batteria, Ultimo e tanti altri, ha partecipato a festival come Jazzit Fest e Gezz Night.  Until Now racchiude il mondo di Chiara, che ha dato voce al suo  universo interiore: "Avendo scritto anche i testi la musica assume una dimensione di  narrazione anche testuale, oltre che musicale. I viaggi, le persone, gli incontri e i paesaggi rappresentano semplicemente tutta la mia vita fino adesso. Li racchiudo nella musica così non potrò perderli mai!".

Gli otto brani di  Until Now rivelano  armonie e arrangiamenti moderni, melodie sofisticate che richiamano sia il jazz che il pop, tra suoni contemporanei e richiami alla tradizione.  Gianluca Massetti al pianoforte,  Francesco Pierotti al contrabbasso e  Valerio Vantaggio alla batteria sono gli artefici di un eccellente risultato complessivo: "Hanno fatto suonare il disco come piaceva a me, mettendoci dentro anche il loro gusto musicale e la loro personalità. Se c'è una cosa che non cambierei mai, sono proprio loro tre". Accanto ai sei titoli firmati Viola, compaiono due sorprendenti cover, a dimostrazione dell'ampiezza degli ascolti dell'autrice, e della varietà dei suoi riferimenti musicali: "Si tratta di  Within dei  Daft Punk ,che ho ascoltato tanto durante un periodo molto bello della mia vita, e  Harvest Moon di  Neil Young, che ascolto sempre quando voglio piangere. Sono due brani estremamente diversi, che avrei voluto scrivere io. Quindi, siccome lo hanno già fatto loro prima di me, ho voluto reinterpretarli a modo mio!". 

Chiara Viola Facebook:

Chiara Viola Instagram:

Filibusta Records:

Synpress44:

sabato 22 giugno 2019

CLAN ALDO PINELLI "Patagonia" (LIZARD)


CLAN ALDO PINELLI  "Patagonia"  (LIZARD)

Questa volta è una piccola orchestra ad attorniare il prolifico autore-musicista ALDO PINELLI da Buenos Aires (già leader degli Habitat). 
Un progetto aperto (che ha trovato anche collaborazioni in Italia in occasione di alcuni concerti) denominato dunque CLAN ALDO PINELLI, una congregazione elettro-acustica di propensione ambient-folk-prog che trasforma mirabilmente in musica le incantevoli immagini della Patagonia, viste con gli occhi e le emozioni del musicista argentino.
Atmosfere bucoliche, sonorità pastorali, melodie luminose, ritualità ancestrali (in cui il flauto e soprattutto il violino hanno un ruolo da protagonista), come in un viaggio incantevole accompagnato da dieci brani strumentali, che sono valse l'attenzione di residenze artistiche in Nuova Zelanda, Svezia, Francia, in cui Aldo Pinelli è stato accolto come ospite speciale in qualità di pregevole autore. 

L'incanto della Patagonia in dieci brani strumentali, ambient-folk-prog melodiosamente pastorale!

ALDO PINELLI: chitarre, basso, tastiere, percussioni
PAULA DOLCERA: flauto
SILVIA PRATOLONGO: percussioni
SEBASTIAN CALISE: violino
ROBERTO SAMBRIZZI: batteria
ELIZABETH MINERVINI: tastiere, pianoforte