mercoledì 31 gennaio 2018

Blut, ufficiale l'ingresso in formazione di due nuovi membri


Blut, ufficiale l'ingresso in formazione di due nuovi membri
I Blut annuniciano ufficialmente l'ingresso in formazione di un nuovo chitarrista e di un nuovo batterista. Si tratta di Andrea "Ceppo" Faglia alla sei corde ed Alessandro Boraso dietro le pelli. Per il secondo, già session della band, arriva quindi l'ingresso definitivo nei Blut, che con la nuova formazione hanno avuto il classico battesimo di fuoco dal vivo nella data dello scorso 12 gennaio presso le Officine Sonore di Vercelli.  


 

In uscita il nuovo album degli OAK, "Giordano Bruno"


(Giordano Bruno)

Salve Populus,
si preannuncia come uno dei migliori lavori del 2018 il "concept album "Giordano Bruno” (e non stiamo parlando dell'ex centravanti della lazio…), l'ultima fatica degli OAK dell'istrionico polistrumentista e cantante Jerry Cutillo.
Il disco verrà presentato in anteprima assoluta domenica 18 febbraio - Planet Live Club - Roma - ore 21.00 (ingresso libero)
Insieme agli Oak saliranno sul palco alcuni degli ospiti che suonano sul disco: David Jackson (straordinario sassofonista dei VDGG), Jenny Sorrenti (la voce dei Sain Just), Guglielmo Mariotti (bassista dei Watch, Mr Punch...)
Insomma una serata di grande musica dedicata al monaco, filosofo, scrittore, condannato al rogo dalla santa inquisizione a Campo de Fiori nel febbraio del 1600!
Il doppio vinile + CD, sarà disponibile ed in vendita la sera del concerto.
Non potete mancare.

Wazza


lunedì 29 gennaio 2018

GLI INSETTI NELL'AMBRA-" L'Aleph"


A due anni da 'Controllo' torna il duo italiano residente a Parigi. No cd, no vinile ma musicassetta rosa in tiratura limitata per Ludwig e Bronkos, devoti al kraut rock e al garage. Pubblica Skank Bloc Records
L'Aleph: garage-psych su nastro per Gli Insetti nell'Ambra!

GLI INSETTI NELL'AMBRA
L'Aleph
Skank Bloc Records 2018
(distr. Spotify, BandCamp, Deezer etc.)
7 brani, 26 minuti

7 brani, 26 minuti, chitarra, basso e drum machine. Tutto minimale, scarno, ma inesorabilmente elettrico e penetrante. Sono un duo italiano, vivono a Parigi dopo un transito a Zurigo, sono una colonna della scuderia Skank Bloc Records e pubblicano solo ed esclusivamente su cassetta. Musicassetta, quella rettangolare coi due buchetti e il nastro dentro, che fa tanto vintage ma più figa del vinile perchè piccola e per pochi. Non è un caso che L'Aleph esca in sole 75 copie: splendida grafica di Reg Mastice, stampa su carta argento, cassette rosa numerate a mano.

A due anni di distanza dal debutto Controllo, Gli Insetti nell'Ambra tornano con L'Aleph. Ancora una volta formazione base in duo, ancora una volta su cassetta, ancora una volta con la label-famiglia Skank Bloc Records. Squadra/scrittura/sound che vince non si cambia, come sottolinea il duo: "Come sempre i brani sono scritti da Ludwig van Baloney e colorati da Bronkos! Ludwig scrive un testo, poi una linea di basso per accompagnare il suo canto, poi si fanno le prove, e Bronkos fa (quasi) tutto quello che vuole con la chitarra, finché non trova una cosa che gli piace. Ludwig ha improvvisamente scoperto che le parti di chitarra che scriveva erano in realtà delle linee di basso. Ha quindi ripreso in mano il basso. Che nell'Aleph è molto presente mentre in Controllo non c'era proprio. Il modo di scrivere, arrangiare e registrare le canzoni è rimasto lo stesso".

Gli Insetti dell'Ambra nascono come costola di Ludwig Van Bologna, a sua volta derivazione di I Professionisti e Le Cose Furiose, formazioni che hanno animato da subito Skank Bloc Records, etichetta indipendente totalmente italiana ma nata a Zurigo e ora operativa a Parigi. Chitarre, fuzz, riverberi, rhythm box, le composizioni italo-francesi di Lapo 'Ludwig van Baloney' Boschi (voce, chitarra basso, chitarra ritmica, campionamenti, modulatore ad anello) e Chris 'Bronkos' Bettoli (chitarra selvaggia) miscelano la new wave con la canzone italiana, il Mediterraneo con le spiagge californiane, il ragù alla bolognese con i crauti (quelli del rock tedesco). In sette pezzi gli Insetti si imbarcano in micro-avventure sorrette da un motorik alla tedesca, melodie visionarie e chitarre taglienti, partendo da una citazione di Borges: "Nella cassetta c’è quello che ognuno ci vorrà mettere, speriamo ci siano tante cose che noi non abbiamo ancora visto. Borges c’è sicuramente visto che i versi di quella canzone sono all’incirca frasi del suo racconto. C’è anche un esperimento di fisica quantistica, specchi che non hanno riflessi, foto in cui il soggetto non si riconosce più, una poesia di Aldo Palazzeschi e dappertutto la sensazione che la realtà nasconda qualcosa di inspiegato".


Gli Insetti nell'Ambra non sono solo nastro o flusso sonoro in streaming, ma un duo in carne ed ossa che presenterà L'Aleph per la prima volta dal vivo giovedì 18 gennaio 2018 al Le Pointe Lafayette a Parigi, in Rue La Fayette. Ludwig e Bronkos porteranno con loro le inconfondibili cassette rosa... "Ci hanno detto che la musica su supporto fisico non si vende più. Allora abbiamo pensato di vendere il supporto fisico e basta... Limitando la riproduzione meccanica del nostro lavoro a poche copie di pregiata fattura, scegliendo un supporto carico di implicazioni culturali e affettive, che da solo racconta una storia... speriamo di accrescerne l'aura e dunque il piacere aggiunto per gli intenditori che le stanno acquistando. Tanto lo sappiamo che poi ascoltano tutti su Spotify, o in streaming su Bandcamp, si scaricano gli mp3...! Detto questo, la musica nelle cassette l'abbiamo effettivamente registrata, quindi chi fosse talmente avanti da estrarre la cassetta dalla custodia e inserirla nel radiolone, mangianastri, walkman, piastra o chissà cos'altro, non sarà deluso". 


Gli Insetti dell'Ambra hanno trascorso gli ultimi cento milioni di anni intrappolati nella resina degli alberi pietrificati.
Chitarre, fuzz, riverberi, rhythm box, le loro composizioni italo-francesi miscelano la new wave con la canzone italiana, il Mediterraneo con le spiagge californiane, il ragù alla bolognese con i crauti (quelli del rock tedesco).
Gli Insetti nell'Ambra vivono a Parigi.
Gli Insetti nell'Ambra sono Lapo 'Ludwig van Baloney' Boschi (voce, chitarra basso, chitarra ritmica, campionamenti, modulatore ad anello) e Chris 'Bronkos' Bettoli (chitarra selvaggia).

L'intervista...

1.  I Professionisti, Le Cose Furiose, i Ludwig Van Bologna: dopo queste tre incarnazioni targate Skank Bloc, è la volta degli Insetti nell'Ambra. Quali sono le differenze rispetto ai precedenti gruppi e qual è il filo conduttore?
Skank Bloc Records è fatta di italiani, se così si può chiamarli, che vivono fuori dal loro paese natale. A un certo punto abitavamo tutti a Zurigo, che è una città della Svizzera tedesca ma è anche una città italiana, perché è piena di italiani, italiani di seconda generazione, italiani di terza generazione, italiani che parlano tedesco meglio dell'italiano, e anche svizzeri affascinati dall'Italia, e infine italiani come noi, che sono tecnicamente nati in Italia e il tedesco lo parlano a malapena.
Abitavamo dunque in questa insolita città e ci e venuto in mente di evocare lo spettro dell'italianità latente che vi si aggirava: le abbiamo dato la forma di un trio chitarra basso e batteria che cantasse le canzoni italiane antenate comuni di tutto questo mondo immigrato. Ci sembrava che canzoni come Pugni chiusi e Sapore di sale avessero nella Zurigo degli anni zero una forza, uno spessore ben maggiori di quelli che possono ormai avere in Italia, dove passano inascoltate ogni domenica in qualche trasmissione tv pomeridiana. Il trio si chiamava I Professionisti, con un repertorio che spaziava da Clem Sacco a Gianna Nannini. Prima avevamo altre occupazioni e abbiamo riscoperto la musica così, come una sorta di performance. Poi un giorno qualcuno è venuto alle prove con un brano originale...
Le Cose Furiose sono una seconda incarnazione dello stesso progetto, perchè gli italiani sparsi per il mondo hanno la caratteristica di continuare a girarlo, il mondo: e si è reso necessario un cambio di formazione. Alla fine lo spettro della nostra italianità ha traslocato tutto quanto a Parigi, ma a questo punto lo scenario è un po' cambiato, eravamo (ri)diventati un po' più “musicisti,” e “cantautori,” se così ci possiamo chiamare, piuttosto che generici provocatori culturali. Ludwig Van Bologna è frutto di questa trasformazione e Gli Insetti Nell'Ambra sono nati da una costola.

2.  L'Aleph arriva a due anni di distanza da Controllo del 2015: ne prende radicalmente le distanze o è in continuità?
A ben vedere, le due cose non si escludono. Tecnicamente, la differenza principale è che Ludwig van Baloney ha improvvisamente scoperto che le parti di chitarra che scriveva erano in realtà delle linee di basso. Ha quindi ripreso in mano il basso. Che nell'Aleph è molto presente mentre in Controllo non c'era proprio. Il modo di scrivere, arrangiare e registrare le canzoni è rimasto lo stesso.

3. Inevitabile partire dal supporto, che spesso e volentieri coincide con l'intero progetto artistico: non un cd, non un vinile, bensì una musicassetta, tra l'altro in sole 75 copie. Perchè questa scelta?
Ci hanno detto che la musica su supporto fisico non si vende più. Allora abbiamo pensato di vendere il supporto fisico e basta... Limitando la riproduzione meccanica del nostro lavoro a poche copie di pregiata fattura (grafica di Reg Mastice che da sola vale l'acquisto, stampa su carta argento, cassette rosa numerate a mano dal vostro affezionato), scegliendo un supporto carico di implicazioni culturali e affettive, che da solo racconta una storia... speriamo di accrescerne l'aura e dunque il piacere aggiunto per gli intenditori che le stanno acquistando.
Tanto lo sappiamo che poi ascoltano tutti su Spotify, o in streaming su Bandcamp, si scaricano gli mp3...! Detto questo, la musica nelle cassette l'abbiamo effettivamente registrata, quindi chi fosse talmente avanti da estrarre la cassetta dalla custodia e inserirla nel radiolone, mangianastri, walkman, piastra o chissà cos'altro, non sarà deluso. 

4. A proposito di Skank Bloc Records, l'etichetta della quale fate parte che annovera anche nomi come Luciano Chessa e Griselda Masalagiken: qual è il ruolo degli Insetti nella scuderia?
Siamo tutti amici. Luciano ha suonato qualcosa in Aleph. Sia Luciano che Griselda hanno contribuito a scrivere brani di Controllo. Ludwig van Baloney è intervenuto nella produzione del nuovo lavoro di Luciano, e nell'ultimo di DJ Balli. Ecc. ecc. Se anche la nostra musica non dovesse risultare di alcun valore per il mondo esterno, per noi ne ha parecchio! Perché è un modo di conoscerci sempre meglio e condividere certi pezzi importanti e difficilmente definibili della nostra psiche.

5. La storia del rock ci ha mostrato il fascino del songwriter solitario, la perfezione del power trio, la potenza inesauribile di quartetti e quintetti. Gli Insetti invece sono un duo. Pregi e difetti, opportunità e limiti del suonare in coppia.
Il vantaggio principale è logistico: possiamo creare un concerto quasi dal nulla in poco tempo, spostarci se necessario con i mezzi pubblici, fare tour in utilitaria. Come in Svizzera in dicembre: noi più un cantautore solitario (On Lache les Chiens, di Parigi) e tutto il materiale in una Renault Megane presa in affitto su drivy. E poi c'è il fatto che suonare la drum machine e il sampler possono in certi casi essere preferibili al groove di un vero batterista. In un'intervista Holger Czukay ha detto che Jaki Liebezeit, il batterista dei Can, era “più inumano di una drum machine”. A noi non piacciono le rullate e i fill, mentre ci piace molto il kraut rock, quindi...

6. Sette pezzi minimali, scritti da Ludwig e colorati da Bronkos: come nascono di solito i brani degli Insetti?
Beh: sono scritti da Ludwig e colorati da Bronkos!
Ludwig scrive un testo, poi una linea di basso per accompagnare il suo canto, poi si fanno le prove, e Bronkos fa (quasi) tutto quello che vuole con la chitarra, finché non trova una cosa che gli piace.

7. Un titolo come L'Aleph rimanda inevitabilmente all'ebraismo, all'alfa e all'inizio di ogni cosa, a Jorge Luis Borges. C'è tutto questo nel vostro disco, pardon, cassetta?
Nella cassetta c’è quello che ognuno ci vorrà mettere, speriamo ci siano tante cose che noi non abbiamo ancora visto. Borges c’è sicuramente visto che i versi di quella canzone sono all’incirca frasi del suo racconto. C’è anche un esperimento di fisica quantistica, specchi che non hanno riflessi, foto in cui il soggetto non si riconosce più, una poesia di Aldo Palazzeschi e dappertutto la sensazione che la realtà nasconda qualcosa di inspiegato.

8. Italiani a Parigi, probabilmente il posto giusto per vedere a distanza le miserie del nostro paese, ma al tempo stesso – capovolgendo la situazione – i pregi italiani e le difficoltà parigine. A voi la palla.
Questo italiano da due decenni manca dal suo paese e quindi non se la sente di giudicarne le eventuali miserie! Le miserie parigine invece sono ben presenti e ben chiare. Sono contento qui come potrei esserlo anche altrove. Il caffè è sicuramente molto migliore in Italia, e questa non è una cosa da poco.

 Skank Bloc Records:

Skank Bloc Facebook:

Synpress44 Ufficio stampa:
www.synpress44.com


domenica 28 gennaio 2018

"PROG & Dintorni" del 2 febbraio


Venerdì 2 Febbraio consueto appuntamento con "PROG & Dintorni", in onda come sempre su www.radiovertigo1.comdalle 21 alle 23, trasmissione ideata e condotta da Gianmaria Zanier.
In particolare, riflettori puntati su KING CRIMSON, DAVID CROSS e tante altre band a forti tinte "cremisi", protagoniste per tutta la settimana anche sulla pagina fb PROG 2.0 (https://www.facebook.com/groups/prog2.0/). 
Per riascoltare la replica delle ultime trasmissioni, cliccare il link: http://www.radiovertigo1.com/progedintorni



Goblin Rebirth in concerto il 9 febbraio a Torino


sabato 27 gennaio 2018

LORD BYRON RITORNA IN STUDIO DI REGISTRAZIONE!




LORD BYRON RITORNA IN STUDIO DI REGISTRAZIONE!

Lord Byron, splendido dandy glam, è finalmente tornato in studio per registrare un nuovo, favoloso album del suo unico stile “baroque'n'roll”.

Immaginatevi in un'ambientazione cosmica, intraprendendo grandiosi viaggi attraverso le stelle, con un equipaggio di incredibili talenti, ed aspettatevi uno stravagante, drammatico e variegato susseguirsi di avventure, che non vediamo l'ora di condividere con tutti voi!





venerdì 26 gennaio 2018

"Before and after Eno"- Una biografia di Brian Eno di Marco Calloni


Before and after Eno

Una biografia di Brian Eno di Marco Calloni
Edizioni Meridiano Zero

La storia del musicista e produttore che ha scritto alcune tra le pagine più importanti della musica moderna: Roxy Music, David Bowie, U2, Genesis, Talking Heads, Robert Fripp, Coldplay...
Brian Eno rappresenta una voce importante e singolare nel mondo della cultura moderna. Per molti è un rivoluzionario precursore di generi musicali, per altri un teorico, certamente un visionario e istintivo esperto di styling sonoro. Eno è un imprescindibile riferimento in ambito musicale, in grado di apportare costantemente i suoi molteplici contributi alla musica moderna. I suoi rapporti con l’avanguardia, a diretto contatto con il pop, hanno reso possibile la creazione di alcuni tra gli album più venduti di tutti i tempi come, ad esempio, The Joshua Tree degli U2! Roxy Music, David Bowie, U2, Genesis, Talking Heads, Robert Fripp, Coldplay e molti altri hanno collaborato con lui ricevendone un’influenza fondamentale per l’evoluzione del loro stile musicale. Esiste un “prima e dopo” Brian Eno? Questo libro, pieno di curiosità e informazioni inedite, ci conduce passo passo all’interno della sua intricata vita di artista controcorrente, innovativo e mai banale, senza trascurare le sue influenze culturali, il suo privato, le sue relazioni personali con partner e amici. Una summa selezionata di tutti gli articoli e le recensioni più rilevanti usciti per la stampa internazionale, una sterminata discografia, un racconto fatto di testo e immagini che rievoca i momenti salienti della sua musica e proietta Brian Eno nella Hall of Fame dei musicisti più influenti di tutti i tempi.

MARCO CALLONI classe 1987, si è laureato in Scienze dei Beni Culturali presso l’Università Statale di Milano con una tesi su Brian Eno. Collaboratore per un breve periodo di Radio Popolare e Outsider, nutre un profondo interesse per il cinema e l’arte degli anni Sessanta e Settanta. Da sempre appassionato di musica e relazioni storico-culturali annesse, scrive articoli e monografie per la rivista specializzata Late For The Sky.
Meridiano Zero edizioni di Odoya Srl www.meridianozero.it


giovedì 25 gennaio 2018

TOUR DATES 25‑31 GENNAIO 2018, DI ZIA ROSS

TOUR DATES 2531 GENNAIO 2018

23-27 GENNAIO 2018

BLUE NOTE ‑ Via Borsieri, 37 ‑ Q.Re Isola ‑ MILANO (MI)
INCOGNITO
Ore 21.00-23.00


Giovedì 25/01

ARCI PINTUPI ‑ Via A. Moro 29 ‑ C/O Campo Sportivo ‑ VERDERIO INFERIORE (LC)
AMAURY CAMBUZAT SUONA ULAN BATOR

NIDABA THEATRE ‑ Via E. Gola 12 ‑ MILANO (MI)
GNOLA BLUES BAND
info: 02/89408657 ‑ 339/3477512 ‑ maxnidaba@gmail.com ‑ www.nidaba.it ‑ www.facebook.com/max.nidaba

BLITZ ‑ PIAZZA DELLA REPUBBLICA ‑ VICOPISANO (PI)
GUTHRIE GOVAN WITH YIORGOS FAKANAS GROUP
GUTHRIE GOVAN with YIORGOS FAKANAS GROUP
Guthrie Govan ‑ guitar
Yiorgos Fakanas ‑ bass (Frank Gambale, Mike Stern, Anthony Jackson, Bireli Lagrene, Dave Weckl)
Dimitri Sevdalison ‑ keyboards (Dennis Chambers, Anthony Jackson, Alex Acuna)
Menios Pasalis ‑ drums (Mike Stern, Steve Weingart, Andre Nieri)
Straordinario quartetto di jazz-rock & fusion dove la chitarra di Guthrie Govan (Aristocrats, Steve Wilson), considerato uno dei migliori chitarristi del momento, diventa l'elemento trainante poggiandosi sulla solida sezione ritmica e sulle tastiere, strumenti suonati da eccellenti musicisti greci, che hanno supportato alcuni dei mostri sacri della musica strumentale internazionale: Frank Gambale, Mike Stern, Anthony Jackson, Bireli Lagrene, Dave Weckl, Dennis Chambers, Alex Acuna, Steve Weingart, Andre Nieri...
Sponsor Tecnico: Cherubini Strumenti Musicali, Roma.
apertura porte ore 20 // inizio concerto ore 22:00 ‑ Ingresso 20,00 + 3.00 d.p.

EXCALIBUR PUB ‑ Corso Garibaldi 64 ‑ CHIAVARI (GE)
ROBERTO DE BASTIANI LIVE @ EXCALIBUR PUB
info:  0185 308095 ‑ https://www.facebook.com/ExcaliburPub/
Il cantautore ligure ROBERTO DE BASTIANI accompagnato da Luca Scherani alla Tastiera e Alberto Olivieri al basso.


Venerdì 26/01

TEATRO CIVICO ‑ Via Monte Di Pietà ‑ VERCELLI (VC)
"TOMMY. IL CONCERTO"
TOMMY, THE WHO'S MUSICAL
info:  prevendite presso : teatro civico Vercelli / Dosio music Vercelli 0161253047
Libreria Il Labirinto Casale Monferrato 014279051 www.labirintoweb.com
Il musical degli Who nell’esecuzione dei Too Little Time Band & Friends.
Liberamente ispirato all'opera rock degli The Who del 1969.
Cast: Matteo Merli (Tommy Walker), Dana Calamano (Tommy Walker), Valeria Bruzzone (Nora Walker), Fausto Sidri ("Uncle" Frank Hobbs), Claudio Boero (Cousin Kevin), Agostino Marafioti (The Specialist) e Morena Campus (Sally Simpson).
Special Guest: Roberto Tiranti (The Pinball Wizard), Giulia Ottonello (The Acid Queen), Paolo Bonfanti (The Preacher) e Aldo De Scalzi (Uncle Ernie).
2 Little Time Band: Massimo Modesti (Tastiere), Andrea Leoncini (Tastiere), Gabriele Marenco (Chitarra Elettrica), Fabio Milanese (Chitarra Acustica), Alessandro Pelle (Batteria) e Antonio Esposito (Basso).
Con la partecipazione di Franco Avran (Narratore) e Jenny Costa (LIS Performer).

BEZZECCA LAB MILANO ‑ Via Bezzecca 4 ‑ MILANO (MI)
BEZZECCA IN MUSICA: DANIELE BETTINI, PIANO SOLO
info:  0286894433 ‑ bezzeccalab@gmail.com ‑ https://www.facebook.com/bezzeccalab/


TAMBOURINE CLUB ‑ VIA CARLO TENCA, 16 ‑ SEREGNO (MB)
AMAURY CAMBUZAT SUONA ULAN BATOR
info:  329/2037647 ‑ 339/8543404 ‑ www.tambourine.it ‑ www.facebook.com/arcitambourine

IL MAGAZZINO DI GILGAMESH ‑ Piazza Moncenisio 13/B ‑ TORINO (TO)
GUTHRIE GOVAN WITH YIORGOS FAKANAS GROUP
info:  011/7492801 340/9883436 ‑ www.facebook.com/magazzinodigilgamesh ‑ http://www.ilmagazzinodigilgamesh.it
GUTHRIE GOVAN with YIORGOS FAKANAS GROUP
Guthrie Govan ‑ guitar
Yiorgos Fakanas ‑ bass (Frank Gambale, Mike Stern, Anthony Jackson, Bireli Lagrene, Dave Weckl)
Dimitri Sevdalison ‑ keyboards (Dennis Chambers, Anthony Jackson, Alex Acuna)
Menios Pasalis ‑ drums (Mike Stern, Steve Weingart, Andre Nieri)
Straordinario quartetto di jazz-rock & fusion dove la chitarra di Guthrie Govan (Aristocrats, Steve Wilson), considerato uno dei migliori chitarristi del momento, diventa l'elemento trainante poggiandosi sulla solida sezione ritmica e sulle tastiere, strumenti suonati da eccellenti musicisti greci, che hanno supportato alcuni dei mostri sacri della musica strumentale internazionale: Frank Gambale, Mike Stern, Anthony Jackson, Bireli Lagrene, Dave Weckl, Dennis Chambers, Alex Acuna, Steve Weingart, Andre Nieri...
Sponsor Tecnico: Cherubini Strumenti Musicali, Roma.
apertura porte ore 20 // inizio concerto ore 22:00 ‑ Ingresso 20,00 + 3.00 d.p.

LA SALUMERIA DELLA MUSICA ‑ Via Pasinetti, 4 ‑ MILANO (MI)
AVIV GEFFEN
FEATURING THE SONGS OF BLACKFIELD
Aviv Geffen, il cantante/cantautore israeliano conosciuto ai molti come metà del duo rock Blackfield con il prolifico musicista britannico Steven Wilson, è in arrivo in Italia in una data unica alla Salumeria della Musica di Milano, per presentare l'acclamato ultimo album dei Blackfield "V".
Inizio concerto ore 21.30
Costo biglietto 23 euro

TNT CLUB ‑ Via Tito Livio 33A ‑ MILANO (MI)
DIRAXY
I Diraxy sono una band post progressive di Milano. Nati a fine 2013, ricercano sonorità e tematiche tipiche del post progressive di matrice nord-europea, ispirandosi a band come Haken, Porcupine Tree, Opeth, Tesseract, Leprous e Karnivool. Nel 2016 è uscito l’album “The Vagrant”, mentre lo scorso anno è uscito il nuovo lavoro “The Great Escape”.
Inizio concerto ore 22
Ingresso con consumazione 10 euro

ROCK HEAT ‑ Via Luigi Galvani 32 ‑ AREZZO (AR)
FREUD’S STATEMENT PROJECT
Freud’s Statement Project è un progetto prog-rock che trova le proprie radici nell’avantgarde, caratterizzato da atipiche sperimentazioni sonore.
Inizio concerto ore 22
Ingresso gratuito

CROSSROADS LIVE CLUB ‑ Via Braccianense Claudia II Tronco, 771 ‑ OSTERIA NUOVA (RM)
MR. PUNCH PLAYS MISPLACED CHILDHOOD FOR A JESTER'S TEAR TOUR
Il più grande tributo italiano ai Marillion. MR. PUNCH
Alessandro Corvaglia: vocals
Guglielmo Mariotti: bass
Daniele Fuligni: keyboards
Marcella Arganese: electric guitar
Roberto Leoni: drums

BIRRERIA FRATELLI DI PINTA ‑ Via Giuseppe Battaglini, 22 ‑ MARTINA FRANCA (TA)
GROG
info:  3275389970
Il progetto Grog nasce nella seconda parte del 2015 a Reggio Calabria su iniziativa di Luigi Malara e Filippo Buglisi. Inizialmente la formula è un potente ed aggressivo noise rock fatto solo di basso e batteria, a cui in seguito, si sono aggiunti suoni elettronici e altri strumenti, creando così, sezioni più melodiche e dilatate. L’ultimo lavoro è l’EP “Men of low moral fiber”, pubblicato nel 2017.

TERZO PONTE ‑ Via Della Ceramica 7 ‑ BASSANO DEL GRAPPA (VI)
MAD FELLAZ
Mad Fellaz è un gruppo di giovani musicisti che nasce nel 2010 come trio sperimentale, arricchendo poi la sua formazione nel tempo. Nel 2013 è uscito il primo album omonimo, mentre nel 29016 è uscito il secondo lavoro “Mad Fellaz II”.
Inizio concerto ore 22.30
Ingresso gratuito con tessera Arci

VILLA PALLAVICINI ‑ Via Meucci 3 ‑ MILANO (MI)
MANIFATTURA JAZZ:
F.J.04 FUNKISMO!
info:  info@villapallavicini.org ‑ 022565752
MANIFATTURA JAZZ
JAZZA CON NOI L'ULTIMO VENERDì DI OGNI MESE
JAZZ ‑ BLUES ‑ FUNK ‑ SOUL ‑ PROGRESSIVE ‑ CONTEMPORANEA ‑ AFRO ‑ CUBAN...una miscela musicale a base jazz!
Primo appuntamento della rassegna
ore 21,30
Dalle 20,00 bar aperto per cenette e stuzzichini (gradita la prenotazione)
Per info e prenotazioni
info@villapallavicini.org ‑ Tel 022565752

CAFFÈ INTERNAZIONALE ‑ Via San Basilio 37 ‑ PALERMO (PA)
MEZZ GACANO
Mezz Gacano è un progetto musicale di Davide Mezzatesta, nato nel 1997 dalle ceneri di progetti precedenti e sviluppatosi in origine tra le cittadelle industriali del Triveneto e i night club dell’Emilia Romagna. Impiantatosi (quasi) stabilmente nel luogo natio, Palermo, il progetto diventa irrimediabilmente un gruppo Rock con influenze che vanno dal Klezmer all’ heavy metal più efferato, passando per digressioni pianobaristiche e cameristiche. Il gruppo incide nel corso della sua carriera diversi album e questa sera presenta l’ultimo lavoro “Kinderheim”.
Nella stessa serata Yosonu,
inizio concerti ore 22

CINEMA TEATRO ITALIA ‑ Via Parco Italia, 1 ‑ CASTEL DI SANGRO (AQ)
SFARATTHONS
info:  0864840427 ‑ www.cineteatroitalia.it/
Sfaratthons è un progetto nato a Borrello (CH) sul finire degli anni ‘70 per opera di Cecilio Luciano, Giovanni Di Nunzio, Bruno Di Nunzio, Mario Rosato e Luca Luciano. Il tutto sotto la supervisione dei musicisti Nunzio Arcidiacono e Rosario Di Nunzio. Nel 2015 la formazione, ormai rinnovata (Luca Di Nunzio alle tastiere e chitarra, Giovanni Casciato alla chitarra elettrica, Cecilio Luciano alla batteria, Mario Di Nunzio al basso e Giovanni Di Nunzio alla voce e chitarra acustica), decide di pubblicare un cd dal titolo “La Bestia Umana”, dalle sonorità progressive rock i cui testi, ambientalisti, sebbene scritti da Argentino D’Auro quasi 40 anni fa, sono quanto mai attuali.
Ospite della serata il flautista Geoff Warren.
Inizio concerto ore 21.15
Costo biglietto 3 euro


Sabato 27/01

CENTRALE ROCK PUB ‑ Via Cascina California 9 ‑ ERBA (CO)
DARK QUARTERER + IL SEGNO DEL COMANDO
Torna in concerto la dark prog band genovese de Il Segno del Comando, attiva dal 1995. Nel 2013 è stato pubblicato “Il Volto Verde”, mentre di recente è uscito l’album in edizione limitata: “…Al passato, al presente, al futuro…” Live in studio.
Nella stessa serata Dark Quarterer.
Inizio concerti ore 22
Costo biglietto 10 euro

CLUB IL GIARDINO LUGAGNANO ‑ Via Cao Del Prà, 82  ‑ LUGAGNANO (VR)
IL BALLETTO DI BRONZO
Nota: per l’ingresso è obbligatorio tesserarsi al club al costo di 10 euro; in più è previsto un contributo variabile per il concerto. Per tutti i dettagli contattare il Club Il Giardino
Torna dopo due anni sul palco del Giardino il gruppo storico di Gianni Leone colui che da solo alle tastiere si può affermare che impersoni la musica progressiva: un vero spettacolo.
Con una nuova, esplosiva formazione:
Gianni Leone ‑ voce e tastiere;
Ivano Salvatori ‑ basso;
Riccardo Spilli ‑ batteria.

CAFE' DES ARTS ‑ VIA PRINCIPE AMEDEO 33/F ‑ TORINO (TO)
AMAURY CAMBUZAT SUONA ULAN BATOR
info:  011/882212

ZO CENTRO CULTURE CONTEMPORANEE ‑ PIAZZALE ASIA 6 ‑ CATANIA (CT)
CANZONIERE GRECANICO SALENTINO

TEATRO FORMA ‑ Via Fanelli 206/1 ‑ BARI (BA)
ENZO AVITABILE

COOPERATIVA PORTALUPI ‑ VIA DEI RONCHI 7 ‑ VIGEVANO (PV)
MASSARONI PIANOFORTI

ZIO LIVE MUSIC CLUB ‑ Via Carlo.Boncompagni 44 ‑ MILANO (MI)
GUTHRIE GOVAN WITH YIORGOS FAKANAS GROUP
GUTHRIE GOVAN with YIORGOS FAKANAS GROUP
Guthrie Govan ‑ guitar
Yiorgos Fakanas ‑ bass (Frank Gambale, Mike Stern, Anthony Jackson, Bireli Lagrene, Dave Weckl)
Dimitri Sevdalison ‑ keyboards (Dennis Chambers, Anthony Jackson, Alex Acuna)
Menios Pasalis ‑ drums (Mike Stern, Steve Weingart, Andre Nieri)
Straordinario quartetto di jazz-rock & fusion dove la chitarra di Guthrie Govan (Aristocrats, Steve Wilson), considerato uno dei migliori chitarristi del momento, diventa l'elemento trainante poggiandosi sulla solida sezione ritmica e sulle tastiere, strumenti suonati da eccellenti musicisti greci, che hanno supportato alcuni dei mostri sacri della musica strumentale internazionale: Frank Gambale, Mike Stern, Anthony Jackson, Bireli Lagrene, Dave Weckl, Dennis Chambers, Alex Acuna, Steve Weingart, Andre Nieri...
Sponsor Tecnico: Cherubini Strumenti Musicali, Roma.
apertura porte ore 20 // inizio concerto ore 22:00 ‑ Ingresso 20,00 + 3.00 d.p.

CSC CENTRO STABILE DI CULTURA ‑ Via Leogra 4 ‑ SAN VITO DI LEGUZZANO (VI)
SAINKHO NAMTCHYLAK (TUVA/SIBERIA)
Originaria della Repubblica di Tuva (Siberia), confinante con la Mongolia, sciamana e sacerdotessa orientale del canto è una leggenda vivente della voce fin dagli anni ’90 quando arrivò in Europa.
È la massima esponente mondiale del tipico canto di Tuva o canto armonico: particolare tecnica per cui una singola voce emette più suoni simultaneamente. Uno stile che si muove tra avanguardia ed elementi etnici, world music, improvvisazione, atmosfere sciamaniche e ipnotiche, ma anche brani eseguiti in varie lingue.
Sainkho ha sviluppato un’estensione vocale di 7 ottave: la stessa di un pianoforte, con l’aggiunta di over toni e sub toni.
Tutta intessuta di luce, di spazi, di tempo, la voce di Sainkho Namtchylak ha caratteristiche timbriche che la rendono unica. Limpida come acqua di sorgente, spazia dai suoni acuti a quelli più gravi con un'estensione prodigiosa, acquista singolare intensità per improvvisi cambiamenti di vibrazioni, alterna trasparenze a toni densi e scuri, e con un effetto sbalorditivo, si effonde con una emissione multipla di toni uniti fra loro da un legame armonico.

STARDUST ‑ VIA ROSA LUXEMBURG, 1 ‑ ALBIGNASEGO (PD)
CAMPO MAGNETICO
PADOVA ROCK CONTEST”
info:  331/8638953 ‑ 331/2505835 ‑ Http://Stardust-Da-Milan.Myblog.It/
Campo Magnetico è un progetto nato nel 2014 che offre un rock dalle sfumature psichedeliche e progressive, senza porsi limiti di alcun tipo.

VALIGERIA AMBROSETTI ‑ Via Mazzini 6 ‑ VARESE (VA)
DELTA
I Delta sono un gruppo progressive rock italiano, originario di Varese. Con più di 30 anni di carriera all’attivo, sono una delle realtà musicali più longeve del territorio. Questa sera presentano il nuovo album “Come il silenzio”.
Inizio concerto ore 19
Ingresso gratuito

FISHMARKET ‑ Via Fra' Paolo Sarpi, 37 ‑ PADOVA (PD)
GLINCOLTI
info:  049/656692 ‑ 3482754905 ‑ Www.Fishmarket.It/
Il progetto strumentale veneto de Glincolti nasce nel 2007 da un garage come un germoglio spunta da una crepa d’asfalto e nel 2016 ha pubblicato il suo terzo album “Ad occhi aperti”.
Inizio concerto ore 22

CAFFÈ DELLE ARTI ‑ Via Fontana Vecchia S.N.C.
 ‑  CATANZARO (CZ)
GROG
info:  0961/745518
Il progetto Grog nasce nella seconda parte del 2015 a Reggio Calabria su iniziativa di Luigi Malara e Filippo Buglisi. Inizialmente la formula è un potente ed aggressivo noise rock fatto solo di basso e batteria, a cui in seguito, si sono aggiunti suoni elettronici e altri strumenti, creando così, sezioni più melodiche e dilatate. L’ultimo lavoro è l’EP “Men of low moral fiber”, pubblicato nel 2017.


Domenica 28/01

ARCI TITTY TWISTER ‑ Piazza Bruno Mora 11/A ‑ PARMA (PR)
DARK QUARTERER + IL SEGNO DEL COMANDO
“ Domenica 28 gennaio abbiamo il piacere di ospitare per la prima volta sul palco del Titty i Dark Quarterer colonne indistruttibili del heavy italiano.
In apertura i Genovesi "Il Segno del Comando" (Black Widow rec) perfetta accoppiata per questo combo epico, maestoso e occulto!!
Serata per intenditori, lasciatevi trascinare da queste due grandi band Italiane.
DARK QUARTERER (Epic/Progressive metal ‑ Piombino, Italy) +
IL SEGNO DEL COMANDO (Occult Rock Prog ‑ Genova,Italy)”
Apertura porte con possibilità di cenare presso il locale con Hamburger e panini anche Veg ore 20.00
Inizio concerti ore 22.00
Ingresso 10 €
Ingresso riservato ai soci Arci

CIRCOLO RIBALTA ‑ Via Zenzano, 10 ‑ MODENA (MO)
AMAURY CAMBUZAT SUONA ULAN BATOR

CINEMA TEATRO SAN LUIGI ‑ Via Disciplini, 22 ‑ CASTEL GOFFREDO (MN)
GUTHRIE GOVAN WITH YIORGOS FAKANAS GROUP
GUTHRIE GOVAN with YIORGOS FAKANAS GROUP
Guthrie Govan ‑ guitar
Yiorgos Fakanas ‑ bass (Frank Gambale, Mike Stern, Anthony Jackson, Bireli Lagrene, Dave Weckl)
Dimitri Sevdalison ‑ keyboards (Dennis Chambers, Anthony Jackson, Alex Acuna)
Menios Pasalis ‑ drums (Mike Stern, Steve Weingart, Andre Nieri)
Straordinario quartetto di jazz-rock & fusion dove la chitarra di Guthrie Govan (Aristocrats, Steve Wilson), considerato uno dei migliori chitarristi del momento, diventa l'elemento trainante poggiandosi sulla solida sezione ritmica e sulle tastiere, strumenti suonati da eccellenti musicisti greci, che hanno supportato alcuni dei mostri sacri della musica strumentale internazionale: Frank Gambale, Mike Stern, Anthony Jackson, Bireli Lagrene, Dave Weckl, Dennis Chambers, Alex Acuna, Steve Weingart, Andre Nieri...
Sponsor Tecnico: Cherubini Strumenti Musicali, Roma.
apertura porte ore 20 // inizio concerto ore 22:00 ‑ Ingresso 20,00 + 3.00 d.p.

TEATRO BONCI ‑ VIA ALDINI 22 ‑ CESENA (FC)
PAOLO FRESU, OMAR SOSA
info:  0547/355911 ‑ http://www.teatrobonci.it ‑ info@teatrobonci.it

BLUE NOTE ‑ Via Borsieri, 37 ‑ Q.Re Isola ‑ MILANO (MI)
ROBERTO TARENZI, JAMES CAMMACK, JORGE ROSSY TRIO
Ore 21.00

LOCANDA ATLANTIDE ‑ Via Dei Lucani 22b ‑ ROMA (RM)
POWER PROG FEST VOL. II
JOHN MACALUSO & UNION
NOUMENO
HERETIC’S DREAM
HEARTACHE
Dopo il successo della prima edizione, il Power Prog Fest torna con una seconda edizione.
Questa volta si esibiranno:
John Macaluso & Union
Noumeno
Heretic’s Dream
Heartache
Inizio concerti ore 21
Costo biglietto 5 euro

CIRCOLO ARCI BOLOGNESI ‑ Piazzetta San Nicolò 6a ‑ FERRARA (FE)
SOLCHI SPERIMENTALI FEST
EDØ PISTØ SØMI
LAMETÀFISICA
AUTUNNA ET SA ROSE
KAI AGATHOS
IL LUNGO ADDIO
ORGHANON
Il festival itinerante legato alle opere e alle iniziative di Antonello Cresti, ispirato dalla medesima attitudine al sincretismo e alla unione di musiche apparentemente lontane, vedrà questa sera sul palco:
Presentazione audio visiva del docufilm The Movie
Edø Pistø Sømi
Lametàfisica
Autunna et sa Rose
Kai Agathos
Il Lungo Addio
Orghanon
Inizio evento ore 20
Ingresso gratuito per possessori tessera Arci


Mercoledì 31/01

BLUE NOTE ‑ Via Borsieri, 37 ‑ Q.Re Isola ‑ MILANO (MI)
SCOTT COLLEY ‑ BENJAMIN KOPPEL ‑ ENRICO PIERANUNZI
Ore 21.00-23.00
NICE PRICE Concert

TEATRO DUSE ‑ VIA CARTOLERIE 42 ‑ BOLOGNA (BO)
PFM EMOTIONAL TATTOOS TOUR 
Prosegue il cammino live della PFM. Dopo l’uscita di Mussida l’attuale formazione vede: Franz Di Cioccio, Patrick Djivas, Lucio Fabbri, Marco Sfogli, Alessandro Scaglione, Roberto Gualdi e Alberto Bravin.
Inizio concerto ore 21


Costo biglietto da 35 a 50 euro