martedì 22 maggio 2018

ODETTE DI MAIO - "Infinity Pool"



INFINITY POOL -  IL NUOVO LAVORO
(CD/EP A.N.R.)
 
Odette Di Maio (Soon, Lorbi, Miss O) torna sulla scena, dopo anni di impegno in progetti internazionali e concerti del suo decennale spettacolo “L’America di Odette”.
  
INFINITY POOL è il suo nuovo lavoro, in uscita nella primavera 2018, caratterizzato da 6 tracce digitali, in inglese, per la maggior parte scritte e prodotte in Belgio insieme all’artista Jan De Block per l’etichetta Addictive Noise Records.
  
Infinity Pool parla di connessioni emotive con le parti più intime di sé e con i mondi intornodiversi, superiori e trascendenti:
   
Sudden sparks of light narra di quei momenti improvvisi in cui realizziamo che possiamo liberarci di un passato limitante e lasciare che nuove risorse dentro di noi prendano il sopravvento.
"… Uno, due, tre è tempo di andare e costruire la tua anima, dove il tuo corpo è in grado di sintonizzarsi con la vita".

Circle, canzone originariamente scritta e interpretata dall’artista texana Edie Brickell alla fine degli anni '80, impreziosisce l'album in una versione rivisitata da Odette con grande personalità e che sarà trasmessa in rotazione sulle maggiori emittenti italiane.
"Comunque tutto è temporaneo. Quando le strade sono bagnate e i colori scivolano nel cielo"

Non existence racconta i dubbi che ci torturano quando una storia d’amore non è ancora decollata, non dà le sicurezze attese e la malinconia si nasconde dietro l’attesa.
 "… A volte vago solo per sentimi come un fiume che incrocia l'universo e non lo fa mai sanguinare dentro".

Past and future parla della possibilità di ottenere esperienze trascendentali in altri mondi e della meravigliosa assistenza che si riceve quando riusciamo a spalancare di più i nostri sensi.
"… I miei occhi sono chiusi eppure vedono chiaramente, sto imparando, come te, una manciata di nuove intuizioni".

Visions of absence riprende un brano di Miss O arrangiato nuovamente in una versione essenziale, solo piano e basso e che immagina una serie di visioni di una giornata di un addio.
" … Potrei andarmene adesso (lasciandomi alle spalle le mie cose) alla ricerca della verità (via da qui)".

Splinters è un pezzo di qualche anno fa che Odette ha voluto riprendere perché in sintonia con il mood degli altri brani.
"… Niente bisogni quando c'è pace e quando ogni viaggio porta da qualche parte".
  
L’idea dietro al nome INFINITY POOL è quella di un brodo primordiale, da cui tutti veniamo e verso cui tutti tendiamo, dopo un percorso evolutivo lungo e talvolta faticoso. Emozioni, pensieri, cambiamenti di identità caratterizzano questo viaggio che ci porta dentro e fuori di noi, con consapevolezze sempre nuove.
  
Infinity pool è anche il nome di una piscina che si affaccia sul suggestivo panorama della valle dei Sayan, nei pressi della città di Ubud a Bali, nella quale Odette si è fatta fotografare: quegli scatti sono stati usati per la copertina dell’album.
  
Il primo singolo estratto è Non existence, il cui video, girato interamente a Bali, riprende Odette all’interno della villa del Taman Bebek Resort di Ubud.


  
ODETTE DI MAIO - bio

Odette Di Maio è stata la cantautrice e front woman dei Soon dal 1993 al 1999: la band, definita dalle riviste specializzate "IT-pop", sull'onda del brit-pop dei Blur e degli Oasis, si afferma sulla scena alternativa italiana con il singolo "Il fiume”. Seguono due album "Scintille" e "Spirale" (Polygram), diversi video in rotazione sui canali musicali e intense tournée in tutto il paese. Partecipano inoltre a programmi televisivi quali San Remo Giovani, Festivalbar, Roxy Bar, Generazione X e altri.

Dopo l'esperienza con i Soon e un lungo soggiorno a Singapore con una rock band italiana, Odette avvia una serie di collaborazioni negli anni successivi: interpreta e registra un brano per i Bedroom Rockers, “Nothing else matters”, comparso nella soundtrack di CSI Miami e in uno spot con Gwyneth Paltrow. A livello internazionale scrive e interpreta un pezzo (“Faith”) per l'artista austriaco Parov Stelar sull'album "Seven and storm", collabora con il noto autore tedesco di musica elettronica Schiller per l'album "Atemlos", scrive a 4 mani l'album “Ring” con il parigino Lorbi e scrive e canta con l'americano Ben Slavin nel progetto The March e per il suo album solista qualche anno dopo.

Per più di vent'anni porta in tutta Europa un suo show chiamato “L'America di Odette” reinterpretando il meglio della musica made in USA rock, folk e pop. Da qualche anno è la protagonista del duo Miss O insieme al compositore e produttore belga Jan De Block, con cui ha scritto e pubblicato l'album "Infection" e diversi EP.

Nessun commento:

Posta un commento