mercoledì 31 ottobre 2018

VITTORIO DE SCALZI e NICO DI PALO: IL 9 NOVEMBRE ESCE IL NUOVO ALBUM DI INEDITI “DUE DI NOI”


VITTORIO DE SCALZI e NICO DI PALO
storici componenti dei  NEW TROLLS

TORNANO SULLE SCENE DISCOGRAFICHE CON UN NUOVO PROGETTO
CHE SEGNA LA LORO ULTIMA COLLABORAZIONE MUSICALE!

IL 9 NOVEMBRE ESCE IL NUOVO ALBUM DI INEDITI
“DUE DI NOI”

VITTORIO DE SCALZI e NICO DI PALO, storici componenti dei NEW TROLLS, tornano sulle scene discografiche con un nuovo progetto discografico che segna la loro ultima collaborazione musicale!
È “DUE DI NOI” il titolo del nuovo disco di ineditiche dal 9 novembre sarà disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming (Aereostella/distribuzione Self/distribuzione digitale Pirames International).

L’album, registrato e mixato da Roberto “Robbo” Vigo preso Zerodieci Studio Genova, contiene 11 brani inediti scritti e composti dagli stessi Vittorio De Scalzi e Nico Di Palo con il contributo in alcuni brani di Andrea Maddalone, Massimo Gori e Marco Ongaro.

«Quando si chiude una porta di solito si apre un portone - racconta Nico Di Palo - Questo disco sancisce la fine di una lunga collaborazione con Vittorio De Scalzi. Si riparte divisi verso altri lidi, ma con il sorriso che unisce sempre chi vive di musica».



L'incontro fra Vittorio De Scalzi e Nico Di Palo con Giorgio D'AdamoGianni Belleno e Mauro Chiarugi determina la nascita dei New Trolls. Nel 1967 il gruppo genovese apre i concerti italiani dei Rolling Stones. Da subito dimostrano originalità proponendo musica romantica, psichedelica con liriche e cori particolari. Sono i primi a unire il rock alle melodie classiche evidenziando potenzialità e virtuosismi. Nel 1971 pubblicano “Concerto grosso per i New Trolls”con il Mº Luis Bacalov. Tra i componenti della band iniziano i dissapori e anche le scissioni non mancano ma, grazie a Luis Bacalov, i New Trolls si ricompongono e danno vita a “Concerto grosso 2”

Al gruppo si uniscono Ricky Belloni e Giorgio Usai. Incidono AldebaranFSQuella carezza della sera e due album con Ornella Vanoni e Anna Oxa. Partecipano al Festival di Sanremo presentando il pezzo di Umberto Bindi e Renato Zero “Letti”che sarà inserito nell'ultimo CD ufficiale “Il sale dei New Trolls”. Dopo il tragico incidente accaduto a Nico, seguono anni in cui De Scalzi e Di Palo percorrono strade diverse ma nel 2006 tornano insieme sui palchi e nelle sale di incisione. È il periodo di “Seven Seasons”, “Concerto Grosso Trilogy Live”, e poi ancora “Concerto Grosso 3” con la riunione dell'intero nucleo storico che vede ancora una volta rinvigorita la collaborazione con Luis Bacalov.
Oggi De Scalzi e Di Palo si ripresentano al pubblico con il nuovo progetto musicale “Due di noi” che segna l'ultima collaborazione musicale fra i due artisti.

Tommy Emmanuel in Italia


Considerato uno dei migliori chitarristi al mondo di "fingerpicking", l'australiano Tommy Emmanuel sarà in tour in Italia dal 1 all' 11 novembre…
Da non perdere!
Wazza

1 NOVEMBRE TORINO TEATRO COLOSSEO  
4 NOVEMBRE
GENOVA TEATRO POLITEAMA  
5 NOVEMBRE
FIRENZE OBIHALL  
6 NOVEMBRE
ROMA AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA/SALA SINOPOLI -   
7 NOVEMBRE
MILANO TEATRO DAL VERME  
8 NOVEMBRE
BOLOGNA TEATRO DUSE
9 NOVEMBRE
VERONA TEATRO FILARMONICO  
11 NOVEMBRE
CAGLIARI AUDITORIUM CONSERVATORIO STATALE

martedì 30 ottobre 2018

RENZO ZENOBI - Volando


Una nuova uscita da M.P. & Records  
distribuita da G.T. Music Distribution: 

RENZO ZENOBI
Volando
in uscita il 26 Ottobre 2018

Etichetta: M.P. & Records - Anno: 2018 - Distribuzione: G.T. Music Distribution

Oggi ho incontrato un amico di sempre, si chiama Coraggio”: e' uno dei versi che  possiamo ascoltare in  “Provo a dormire e ti penso", ed e' l'esempio piu' giusto per presentare questo nuovo album di RENZO ZENOBI, poeta sensibile e musicista delicato. Perche' “VOLANDO” è un album che osa andare oltre alla norma e cerca di superare la tradizione della canzone d'autore. La scrittura raffinata ma intensamente personale, il talento dell'esecuzione e la insolita visione nella costruzione delle canzoni portano finalmente un vento di necessaria novita' nel panorama della musica italiana.
La scelta di far suonare questo disco agli
 ALIANTE, un trio toscano proveniente dal prog-rock (il loro album “Forme Libere” e' stato giudicato il disco rivelazione del 2017 nell'ambito progressive), di far arrangiare questi brani da CLAUDIO CORRADINI (storico collaboratore dei Righeira, dei Gloria Mundi, di Franco Battiato e Giusto Pio, solo per citare alcuni nomi) e infine la produzione artistica di VANNUCCIO ZANELLA sono stati gli ingredienti a nostro avviso essenziali per creare uno stato emotivo che si stacca dalla forma “canzone” per diventare “poesia sonorizzata”. Come preziosi sono stati i suggerimenti di ANTONINO DESTRA per la realizzazione ottimale del disco.
Registrato in diversi studi di registrazione, il missaggio e' stato eseguito presso l'ANGELO STUDIO di Garlasco (Pavia) da MAURIZIO PARAFIORITI. L'idea grafica e' di VANNUCCIO ZANELLA realizzata nel  prestigioso formato O'CARD con libretto a 16 pagine da DANIELE MASSIMI.


Pagina Facebook di RENZO ZENOBIhttps://www.facebook.com/renzozenobiofficial/
Facebook FAN CLUB di 
RENZO ZENOBIhttps://www.facebook.com/groups/40437908470/
Sito WEB di RENZO ZENOBIhttp://www.renzozenobi.it
Protagonisti:
RENZO ZENOBI: voce, chitarre
ENRICO FILIPPI: tastiere
JACOPO GIUSTI: batteria
ALFONSO CAPASSO: basso
e la partecipazione di
ARTURO STALTERI: pianoforte in "Aviatore"

Tracklist:
1 – Attimi d'amore (4:55)
2 – Piovoso (4:01)
3 – Amore del mio amore (4:29)
4 – Gli Occhi (3:48)
5 – Se rimani con me (3:07)
6 – Aviatore (4:00)
7 – Ho solo cantato (4:31)
8 – La tua mano (4:33)
9 – Un anello (3:04)
10 – Provo a dormire e ti penso (2:53)
11 –Il concerto (3:28)
12 – Di tamerici e di sabbia (3:08)
13 – Abbiamo lasciato (3:36)

Vannuccio Zanella
www.mprecords.it



G.T. MUSIC DISTRIBUTIONVia Municipio, 5 - 35019 TOMBOLO (Padova)

Tel. / FAX: 049-9470749

lunedì 29 ottobre 2018

MILANO BLUES 89 - I 40 anni in Blues di Max De Bernardi venerdì 9 novembre allo Spazio Teatro 89 di Milano



I 40 anni in Blues di Max De Bernardi
venerdì 9 novembre allo Spazio Teatro 89 di Milano

Per la rassegna “Milano Blues 89”, sul palco dell’auditorium di via Fratelli
Zoia 89 venerdì 9 novembre si esibirà Max De Bernardi, maestro del fingerpicking: con lui tanti musicisti e ospiti speciali per celebrare una carriera spesa in nome della passione per il Blues, in tutte le sue sfaccettature

MILANO - Dopo il live inaugurale affidato ai Gang e ai Mandolin’ Brothers, il secondo appuntamento della rassegna “Milano Blues 89”, organizzata dallo Spazio Teatro 89, vedrà assoluto protagonista Max De Bernardi. Per il musicista milanese, il concerto in programma venerdì 9 novembre(ore 21.30; ingresso 10-13 euro) nell’auditorium di via Fratelli Zoia 89 sarà l’occasione per festeggiare i 40 anni di carriera, un viaggio attraverso le radici della musica americana e le sue diramazioni. E, come si conviene a un anniversario così speciale, insieme a De Bernardi sul palco non mancheranno amici, musicisti (Dario Polerani al contrabbasso, Beppe Semeraro all’armonica, Stefano Covri alla chitarra e Paolo Ercoli al dobro) e special guest dell’ultimo minuto.
Il repertorio della serata? Blues, ovviamente, in tutte le sue sfaccettature, dal Country Blues al Bluegrass, Ragtime, ma anche le canzoni in milanese di Claudio Sanfilippo e quelle su Milano di Stefano Covri. 
Grande conoscitore del genere country-blues, De Bernardi esplora da sempre un territorio musicale compreso tra il piedmont blues e il Ragtime, caratterizzati da un fingerpicking cadenzato dai bassi alternati, senza tecnicismi superflui. Oltre alla chitarra acustica e resofonica, l’artista milanese, presenza fissa nei principali festival blues italiani e internazionali, suona anche il mandolino e l’ukulele.
De Bernardi si è formato musicalmente alla fine degli anni ’70 ascoltando i grandi maestri del Country Blues Blind Blake, Furry Lewis, Gary Davis, Sam Chatmon, Son House e Mississippi John Hurt, ma forgiando ben presto uno stile personalissimo.
Ha collaborato con numerosi artisti americani, tra cui Mark Hummel, Mitch Woods, Packer & Dunn, Andy Just, Al Copley, Washboard Chaz, Andy J. Forest e Sugar Blue, uno dei più grandi armonicisti blues di tutti i tempi.
La rassegna “Milano Blues 89” proseguirà allo Spazio Teatro 89 con altri nove appuntamenti in programma fino al prossimo mese di aprile, con artisti di primo piano della scena internazionale e con alcuni dei gruppi più rappresentativi del panorama italiano.



Spazio Teatro 89, via Fratelli Zoia 89, 20153 Milano.
Tel. 0240914901; www.spazioteatro89.org; info@spazioteatro89.org
Biglietti: 13 euro intero; 10 euro ridotto (under 25, over 65, convenzioni Arci, Feltrinelli, socio Coop, Touring Club Italia, IBS, Coop Degradi).

Rassegna «Milano Blues 89» - Il calendario (inizio live ore 21.30)

Sabato 13 ottobre: Gang & Mandolin’ Brothers

Venerdì 9 novembre: Max De Bernardi & friends

Sabato 1 dicembre: Osvaldo Di Dio

Venerdì 14 dicembre: Baker Street Band

Giovedì 20 dicembre: The Charleston Gospel Singers (ingresso 18-20 euro)

Sabato 12 gennaio: Blues Ghetto

Venerdì 8 febbraio: Randolph Matthews

Sabato 23 febbraio: Francesco Piu

Sabato 9 marzo: Nine Below Zero (ingresso 13-15 euro)

Sabato 23 marzo: Banfi e Bazzari Band

Sabato 6 aprile: T-Roosters


Ufficio stampa Spazio Teatro 89
Andrea Conta – cell: 3471655323
Mail: andrea.conta1968@libero.it; ufficiostampa@spazioteatro89.org

domenica 28 ottobre 2018

Dancing On The Strings: il jazz-rock del Trio Bobo venerdì 9 novembre a Villasanta (MB)



Il jazz-rock del Trio Bobo  venerdì 9 novembre a Villasanta
per il quarto appuntamento della rassegna “Dancing On The Strings”

VILLASANTA (MB) - Riflettori puntati sul Trio Bobo, il trio jazz-rock (con sfumature funky) più famoso d’Italia, venerdì 9 novembre (inizio live ore 21.30; ingresso 15-20 euro) al Cineteatro Astrolabio di Villasanta. Il concerto del Trio Bobo è il quarto appuntamento di “Dancing On The Strings”, la rassegna musicale senza limiti di genere nata per proporre progetti in cui i protagonisti principali sono gli strumenti a corda. 
Giunta alla terza edizione, la manifestazione, in programma fino al prossimo 16 novembre, è ideata e prodotta da AH-UM (con la direzione artistica di Antonio Ribatti) e CONTROLUCE, con la collaborazione del Comune di Villasanta e il contributo di Fondazione Cariplo.
Il Trio Bobo è composto da tre autentici fuoriclasse, tre giganti che miscelano sapientemente tutte le loro esperienze e le loro molteplici collaborazioni: il batterista Christian Meyer, che spazia con successo dal pop al jazz, e il bassista Faso, molto richiesto in vari contesti, costituiscono, come noto, la sezione ritmica di Elio e Le Storie Tese, mentre il chitarrista Alessio Menconi è considerato dagli addetti ai lavori e dalla critica specializzata - inclusa quella internazionale - uno dei più completi e originali in circolazione. 
Dotata di un impatto notevole e di un groove impressionante, questa formazione è capace di regalare anche episodi di raffinata eleganza, swing e momenti d’improvvisazione grazie alle doti solistiche di Meyer, Faso e Menconi. 


Afferma Christian Meyer: «Il Trio Bobo è quel piccolo “gioco” dove possiamo ritrovarci a suonare quello che amiamo (…). È una via di fuga che ci dà l’ossigeno e la motivazione per continuare a suonare con i nostri strumenti, cercare di migliorare musicalmente, metterci sempre alla prova. È una specie di laboratorio familiare...». 

A Villasanta, il Trio Bobo presenterà il recente album “Pepper Games” e altri cavalli di battaglia. Il concerto rientra nella programmazione del festival JAZZMI.
“Dancing On The Strings” si concluderà con una due giorni tutta al femminile: giovedì 15 novembre spazio alla musica classica di Zala Kravos, giovanissima interprete in arrivo dal Centro Europa, mentre venerdì 16 novembre i riflettori saranno puntati su Eleonora Bordonaro, straordinaria cantastorie cresciuta sotto il sole della Sicilia.



DANCING ON THE STRINGS - TERZA EDIZIONE - IL PROGRAMMA
Da giovedì 25 ottobre a venerdì 16 novembre

GIOVEDÌ 25 OTTOBRE «THE SPIRIT OF OLIVER»
FLIGHT BAND PROJECT con FELICE CLEMENTE

VENERDÌ 26 OTTOBRE «HOBO + VOX POPULI»
MASSIMO GIUNTOLI/ELOISA MANERA

GIOVEDÌ 8 NOVEMBRE «UNFIT»
SIDEWALK CAT 5TET

VENERDÌ 9 NOVEMBRE «PEPPER GAMES»
TRIO BOBO

GIOVEDÌ 15 NOVEMBRE «PIANO OVER CENTURIES»
ZALA KRAVOS

VENERDÌ 16 NOVEMBRE «CUTTUNI E LAMÈ»
ELEONORA BORDONARO

Dove: Cineteatro Astrolabio, via Mameli 8, 20852 Villasanta (Mb)

Inizio concerti: ore 21.30. Tel: 0362328011; email: astrolabio.controluce@gmail.com
Ingresso ai concerti*: intero 10 euro; ridotto 8 euro.
Abbonamenti - Tre concerti: 21 euro. Sei concerti: 39 euro.
*Solo per il concerto del Trio Bobo: intero 20 euro; ridotto 15 euro.

Ufficio stampa Dancing On The Strings
Andrea Conta


venerdì 26 ottobre 2018

PREMIO PIERANGELO BERTOLI: IL 24 NOVEMBRE LA FINALE AL TEATRO STORCHI DI MODENA




PREMIO PIERANGELO BERTOLI
La 6^ EDIZIONE dedicata al grande cantautore con il pieno appoggio della famiglia Bertoli

IL 24 NOVEMBRE LA FINALE
AL TEATRO STORCHI DI MODENA

SI AGGIUNGE UN RICONOSCIMENTO PER I NUOVI CANTAUTORI

Sabato 24 novembre alle ore 21.00 si svolgerà, presso il Teatro Storchi di MODENA, la serata finale della 6^ edizione del PREMIO PIERANGELO BERTOLI, dedicato al cantautore sassolese, indetto dalla Associazione Culturale Montecristo, con il pieno appoggio della famiglia Bertoli, la Direzione Artistica di Alberto Bertoli e Riccardo Benini e la collaborazione di BPER BANCA. Lo spettacolo sarà condotto da Andrea Barbi.

Come da statuto, verranno assegnati complessivamente 5 Premistabiliti da unaCommissione Artistica composta da spiccate personalità del mondo della cultura come Andrea Scanzi, Massimo Cotto, Paola Gallo, Giancarlo Governi, Leo Turrini, Dario Salvatori, Guido De Maria ed altri.

Ad un cantautore big della musica italiana andrà il PREMIO PIERANGELO BERTOLI, assegnato negli anni precedenti a Francesco Guccini, Enrico Ruggeri, Stadio, Luca Carboni ed Eugenio Finardi, dedicato ad un cantautore italiano che abbia una lunga comprovata carriera di successo con almeno 15 album all’attivo. Saranno conferiti anche il PREMIO PIERANGELO BERTOLI “A MUSO DURO”,ad un cantautore che abbia trattato il tema dell’anticonformismo e dell’indipendenza intellettuale, il PREMIO PIERANGELO BERTOLI “PER DIRTI T’AMO”, a chi abbia trattato nei suoi testi il tema dell’amore anche sul piano universale, e il PREMIO PIERANGELO BERTOLI “ITALIA D’ORO”, destinato a chi descrive la situazione politico-sociale contemporanea o prospettica.

Nei mesi scorsi si sono svolte le semifinali dal vivo, presso il Teatro Dadà di Castelfranco Emilia, dalle quali sono usciti gli 8 Finalisti della sezione Nuovi CantautoriMARCO GALLI da Monza con “La danza del tempo”; IACOPO LIGORIO da Brindisi con “Talentopoli”; MONICA P da Torino con “Tutto il resto rende più denaro"; ORKESTRINA da Reggio Emilia con "La notte giudica"FRANCESCO RAINERO da Firenze con “Mare che cammina"; GIACOMO ROSSETTI da Firenze con “L’America”; NOEMI TOMMASINI da Reggio Emilia con “I tuoi occhi stasera”; DAVIDE TURCI da Modena con “Un filo di voce”.
I cantautori emergenti avranno quindi la possibilità di vincere il PREMIO NUOVI CANTAUTORI che quest’anno, grazie alla partnership con SIAE - SOCIETA' ITALIANA DEGLI AUTORI ED EDITORI, consisterà in un riconoscimento in denaro pari a € 3.000,00, oltre alla partecipazione a manifestazioni di prestigio collaterali, anche televisive, che si svolgeranno in Italia nel 2019.


Rilevante novità della 6^ edizione del Premio Pierangelo Bertoli, grazie a NUOVO IMAIEè l’assegnazione ad uno degli 8 Finalisti della sezione Nuovi Cantautori un premio di € 15.000,00 finalizzati alla realizzazione di un tour.
Sarà assegnata anche la Borsa di Studio ACEP/UNEMIA, del valore di € 2.000,00 come supporto all’attività discografica e/o formativa di uno degli otto finalisti.

Il PREMIO PIERANGELO BERTOLI, dedicato al cantautore sassolese, nasce con il pieno appoggio della famiglia Bertoli e la Direzione Artistica di Alberto Bertoli e Riccardo Benini. Il valore artistico di Pierangelo Bertoli è stato talmente elevato da motivare la nascita di questo concorso che intende premiare i Cantautori che, come ha fatto Pierangelo, siano capaci di arrivare al cuore della gente, attraverso i contenuti dei loro testi in primis, l'impegno sociale e il non uniformarsi alle tendenze di pensiero e di moda attuali.

Nella serata finale i Nuovi Cantautori saranno accompagnati nella loro esibizione dalla band composta proprio dai musicisti di Pierangelo Bertoli, diretta da Marco Dieci.
Il Premio Pierangelo Bertoli è indetto dall’Associazione Culturale Montecristo, Comune di Modena e Comune di Sassuolo, con la collaborazione di Arci Nazionale Circuito Musicale, Arci Real, Arci Modena, BPER Banca, Cantine Riunite Civ e TRCˋ (canale 827 satellitare).


Twenty Four Hours Close – Lamb – White – Walls



Twenty Four Hours
Close – Lamb – White – Walls
Dopo il successo planetario del precedente Left-To-Live, la storica psycho-prog band nazionale torna con la sesta fatica discografica: un doppio che vede la prestigiosa partecipazione dei Tuxedomoon e si ispira ai quattro album bianchi più importanti della storia del rock.

Genere: prog rock - psychedelic rock
Label: Musea - Velut Luna
Release Date: 25-10-2018



Il sesto lavoro ufficiale dei Twenty Four Hours, storica band psycho-progressive italiana, è un doppio disco ispirato volutamente, nella forma e nella sostanza, ai quattro album bianchi più importanti della storia del rock:
Closer dei Joy Division
- The Lamb Lies Down on Broadway dei Genesis
- The Beatles (White Album)
- The Wall(s) dei Pink Floyd

A differenza dell'apprezzatissimo, precedente Left-To-Live, non si tratta di un concept album, bensì di una raccolta di brani che abbracciano molte fasi della vita creativa della band comprendenti anche vene ambient (Intertwined), progressive, con una lunga suite ispirata a Supper's Ready dei Genesis (Supper's Rotten) ove viene esasperata la profonda mutazione dei valori, rispetto a quelli del passato, rock (The Tale Of The Holy Frog) e punk (77). In quest'ultimo, che apre l'album, si incontrano atmosfere aggressive punk con echi dei King Crimson, e una spettacolare battaglia finale senza esclusione di colpi fra organo Hammond e chitarra hendrixiana (!).
Ma l'aspetto forse più sorprendente è rappresentato dalla collaborazione con i Tuxedomoon.
I polistrumentisti Blaine Reininger e Steven Brown collaborano attivamente in due brani dell'album, il già citato Intertwined e All The World Needs Is Love, rispettivamente con voce e violino (Blaine) e Sax (Steven).
Quasi a voler suggellare la preziosa cooperazione con la band californiano-belga, i Twenty Four Hours ci regalano ben 2 versioni personalizzate di quello che è forse il brano più rappresentativo e conosciuto dei Tuxedomoon: What Use. La prima versione elettronica segue un'ennesima cover dell'inedito pinkfloydiano Embryo in un suggestivo medley dal sapore fortemente onirico, mentre una versione acustica con una batteria dotata di una doppia cassa esplosiva chiude l'album.
Resta da citare Adrian, il brano già video-single apripista del lavoro lo scorso 25 giugno, con la band al completo, forte della presenza della straordinaria vocalist Elena Aletheia, già presente su Left-To-Live, ma alla quale in quest'occasione è stato affidato un ruolo ben più consistente come “Lead Vocalist” sui brani All The World Needs Is LoveShe's Our Sister (la morte è nostra sorella) e The Tale Of The Holy Frog.
Adrian è stato dedicato alla memoria di Adrian Borland, geniale compositore, chitarrista e cantante di una delle band più influenti e sfortunate degli anni ottanta, i Sound.
Come tutti i dischi dei Twenty Four Hours, Close - Lamb - White - Walls è nato con un'anima live durante libere composizioni e improvvisazioni alla Casa della Musica (FabLab) di Fano durante la Pasqua del 2017, per concludersi a Preganziol (TV) nella ormai "famigliare" Magister Recording Area di Andrea Valfrè, produttore assieme a Paolo Lippe di questo ultimo lavoro.
Andrea Valfrè ha curato su banco analogico (Soundcraft 3200) l'interminabile mixing dei due dischi, mentre Marco Lincetto ha eseguito, sempre in dominio analogico (Millenia Media e Maselec), la fase di mastering.


Il doppio album uscirà il 25 ottobre 2018 contemporaneamente per 2 case discografiche:
Musea per il mercato mondiale
Velut Luna per quello Audiophile/HI-FI esclusivamente italiano


Tracklist
CD 1
1) 77
2) Broken Song
3) Embryo
4) What Use
5) All The World Needs is Love
6) Intertwined
7) Urban Sinkhole


CD 2
1) Adrian
2) Supper’s Rotten
3) The Tale of The Holy Frog
4) She’s Our Sister
5) What Use (acoustic)


Biografia
I Twenty Four Hours possono essere considerati la più longeva band di Psychedelia Progressiva italiana nata negli anni ottanta. Attivi fin dal 1982 con il nome Onyx Marker iniziarono, poco più che diciottenni, a comporre brani che miscelavano generi all'epoca apparentemente inconciliabili come il Punk e la Psichedelia, il Progressive e la New Wave. La formazione si stabilizzò sin dal 1987 ed è rimasta la medesima sino ai nostri giorni, fatta eccezione per lo storico bassista Nico Colucci, che per motivi indipendenti dalla sua volontà è attualmente sostituito da Paolo Sorcinelli. Qualche anno più tardi uno sconosciuto ed esile ragazzo della contea dell'Hertfordshire di nome Steven Wilson fondò quasi per scherzo i Porcupine Tree che, parallelamente e indipendentemente, portarono avanti un progetto musicale simile.
Da allora i Twenty Four Hours sono sempre stati assimilati dalla critica underground alla più famosa band inglese, anche se il sound del gruppo italiano risulta ancora più eclettico, sfaccettato e mutevole, tanto da essere talvolta di difficile collocazione e classificazione. In realtà quest'ultima caratteristica risulterà proprio essere il punto di forza della band pugliese, a livello di pubblico e critica. I Twenty Four Hours sono giunti al loro sesto album ufficiale in studio che si intitolerà "Close - Lamb - White - Walls" ed uscirà il 25 Ottobre 2018 per Velut Luna in Italia e per Musea nel resto del mondo.


Links

Contacts