lunedì 11 novembre 2019

Nuovi progetti per Luigi Cinque


I nuovi progetti di Luigi Cinque, il concerto con Hypertext O'rchestra e l'album - raccolta "Kunzertu 2020 - A Memory Of Future" che esplora tutta la carriera del musicista / regista / compositore ed etnomusicologo, con un inedito live del Canzoniere Del Lazio e altri brani con ospiti da Balanescu, Salis, Fariselli, Mesolella, Petra Magoni e altri ancora.

Luigi Cinque Hypertext O'rchestra in concerto all'Auditorium - Roma - Giovedì 28 novembre 2019
Sala Borgna - ore 21.00
ingresso 16 euro + prevendita
Il video del concerto de La Notte Della Taranta:


Luigi Cinque polistrumentista compositore e regista, inventore e propositore della musica transgenica con la Hypertext O’rchestra è in grado di passare dalla musica classica europea a quella tradizionale etnica, al jazz, al rock, alle nuove espressioni tecnoacustiche, al teatro, alla danza, alla parola poetica, al canto mediterraneo. l’Hypertext O’rchestra, con la sua musica, traccia sentieri per una nuova scrittura contemporanea attraversando generi e stilemi, in modo inedito. In un Occidente che, poco alla volta, dismette la sua idea di centralità, nasce la necessità di non ridurre il multiculturalismo a sterile fenomenologia del post-moderno, ma di elaborare la contaminazione, per favorire la formulazione di un nuovo e arricchito linguaggio creativo. Il progetto e le musiche originali sono di Luigi Cinque con citazioni di grandi del blues e del jazz e di Stravinskij, Varèse, Cage, Davis, Balanescu, Area, Kraftwerk, African and Balkanian music.

Formazione: Petra Magoni voce, Badara Seck, voce,  Antonello Salis  pianoforte, fisarmonica,  Riccardo Fassi  tastiere,  Luigi Cinque clarinetti, sax soprano, voce, live electronics,  Alfio Antico   tamburi a cornice, voce,   Alessandro Santacaterina  chitarra battente  con la partecipazione straordinaria  al contrabbasso e voce  di Adam Ben Ezra
  
Luigi Cinque - Kunzertu 2020 - A Memory Of Future - l'album su Bandcamp che raccoglie i diversi momenti della carriera del musicista

Un album, un racconto che accompagnano un'intera carriera, una vita, all'insegna della ricerca musicale, della contaminazione tra stili, generi e media.
Luigi Cinque ha attraversato questi anni anticipando molte tendenze e sviluppando un percorso artistico totale riletto in questo lavoro che, non é una semplice compilation, ma una colonna sonora nata idealmente per accompagnare il libro "Kunzertu 77 18 - Memorie di bordo" che a sua volta contiene "Kunsertu", saggio di etnomusicologia divenuto il riferimento per la riscoperta delle radici del folk mediterraneo in Italia oltre ad una serie di contributi di grandi musicisti che hanno seguito il compositore nei suoi progetti.
La narrazione non segue un ordine cronologico, anche se l'inizio è collocato negli anni '70 con un'inedita versione dal vivo di "Morra Napoli" del Canzoniere Del Lazio, formazione in cui Luigi Cinque ha militato da giovanissimo, nei primi anni della sua carriera. Da quelle note, registrate dal vivo con un semplice registratore portatile possiamo già cogliere l'essenza della sua poetica, in cui il folk e la musica popolare del sud Italia diventano un ponte per incontrare i suoni del Mediterraneo e andare oltre, verso l'Africa, il Medioriente, la musica classica indiana, l'America per il jazz e le sonorità afro brasiliane e ancora la classica contemporanea, seguendo le intuizioni di John Cage e Steve Reich, l'elettronica e la world music, suonata e proposta prima ancora che il termine venisse inventato.
Sono incontri straordinari quelli di Luigi Cinque, da Demetrio Stratos con cui ha insegnato al Conservatorio di Milano, Alan Lomax, Nanni Balestrini, Pina Bausch, Jannis Kounnellis, Il Banco Del Mutuo Soccorso, Patrizio Fariselli, Petra Magoni, Alexander Balanescu, per citarne alcuni.

Kunzertu - A Memory Of Future - su Bandcamp:   https://luigicinque.bandcamp.com/releases

Govind Khurana
New Model Label

    

        

Nessun commento:

Posta un commento